Category: news

Nicki Minaj pagherà a Tracy Chapman 450.000 dollari per risolvere le rivendicazioni di violazione del copyright sul brano “Sorry”, che ha campionato senza autorizzazione il singolo della Chapman del 1988 “Baby Can I Hold You”.

Secondo quanto riferito da The Hollywood Reporter, i documenti sono diventati pubblici nella corte federale della California nella giornata dello scorso 7 gennaio e mostrano che la Chapman ha accettato l’offerta della Minaj nella causa del 30 dicembre 2020, quindi il caso, che doveva essere dibattuto il prossimo 2 marzo, non andrà in giudizio.

Tracy Chapman aveva fatto causa nell’ottobre 2018, dopo che “Sorry”, una collaborazione con Nas, è trapelata alla radio di DJ Funkmaster Flex e da lì è finita su Internet. “Sorry” non è mai stata pubblicata in un album o in una versione ufficiale.

La Chapman ha dichiarato: “Sono lieta che la questione sia risolta e grata per questo risultato legale che afferma che i diritti degli artisti sono protetti dalla legge e dovrebbero essere rispettati dagli altri artisti. In questa situazione mi è stato chiesto numerose volte il permesso di usare la mia canzone; in ogni caso, educatamente e in modo tempestivo, ho detto inequivocabilmente di no. Apparentemente la signora Minaj ha scelto di non ascoltare e ha usato la mia composizione nonostante le mie intenzioni fossero chiare. Questa causa è stata l’ultima relazione perseguita nel tentativo di difendere me stessa e il mio lavoro e di cercare protezione per l’impresa creativa e l’espressione dei cantautori e degli editori indipendenti come me.”

THR riferisce che i documenti del tribunale rivelano che la Minaj e i suoi rappresentanti hanno cercato una licenza per la canzone della Chapman. Dopo che la Chapman si è rifiutata, Nicki Minaj ha usato la canzone mentre creava musica in studio, e “Sorry” è stata divulgata, piuttosto che ufficialmente pubblicato. Il giudice del tribunale distrettuale degli Stati Uniti Virginia Phillips ha stabilito che la Minaj aveva il diritto di utilizzare la canzone in studio per consentire la sperimentazione musicale, affermando che “Una sentenza che sradichi queste pratiche comuni limiterebbe la creatività e soffocherebbe l’innovazione nell’industria musicale”.